C

Colapesce

Amor di Trinacria

  • Colapesce
  • Colapesce
  • Colapesce
  • Colapesce
  • Colapesce
  • Colapesce
  • Colapesce
  • Colapesce
  • _DSC2786
  • Colapesce | Camera da Letto2 | Hotel-B&B | Piazza Mazzini-Centro-Catania
  • Colapesce | Panoramica Bagno | Hotel-B&B | Piazza Mazzini-Centro-Catania
  • Colapesce | Letto | Hotel-B&B | Piazza Mazzini-Centro-Catania
  • Colapesce | Camera da Letto | Hotel-B&B | Piazza Mazzini-Centro-Catania
  • Colapesce | Bagno - Lavabo | Hotel-B&B | Piazza Mazzini-Centro-Catania
  • Colapesce | Bagno - Dettaglio - Doccia | Hotel-B&B | Piazza Mazzini-Centro-Catania
  • _DSC2784-3

Il nostro cantastorie ora con gli occhi ancor lucidi dell’amor perduto ci narra di cola pesce.
Pescatore figlio di pescatore ma perdutamente innamorato della figlia del re al punto di accettarne la sfida di andare a raccogliere il suo anello gettato tra i più remoti fondali del mare. Non esita a immergersi nel profondo abisso quando un pesce prima ed una gorgonia dopo gli indicano il percorso tra coralli e grotte. Ritrova l’anello ma nel risalire vede una delle colonne che sostiene l’isola sul punto di cedere. Non ha esitazioni l’amore per la sua terra è ancor più forte dell’amor carnale.
Colapesce | Panoramica Bagno | Hotel-B&B | Piazza Mazzini-Centro-Catania Cola pesce è ancora la a sostenere con le sue spalle una delle colonne dell’isola trinacria, oggi chiamata Sicilia ove la sua amata ancor guarda i fondali più profondi attendendo che ne riemerga. Ricca di allegorie e simboli l’art rooms si snoda tra un lampadario che rappresenta l’arte del pescare ed un’installazione a forma di pesce, che introduce ad un proscenio che idealizza la prima grotta Marina ove il nostro eroe si immerge, guidato dal Blue bird, altra sorprendente ceramica di Caltagirone, tra detriti, comodini in tronco d’albero, bagioux lignee appositamente scarne, quasi relitti del mare, all’interno di una decorazione di fondali marine con cromie ottiche e di tessuti che ricordano il tramonto sull’isola. Si entra nel bagno guidati dalla luce della luna, lampadario di pienezza visiva che dall’antibagno si affaccia su una vetrata dalla quale un’installazione a gorgonia e cementine che, nel corso dei decenni hanno sfidato il corrodere della salsedine, e tra flussi e docce a cascate d’acqua si arriva alla colonna snella ma possente che quasi apre le braccia a sorreggere l’isola.